Come costruire un team di successo?

Come costruire un team di successo?

Come costruire un team di successo?

Il lavoro in team è alla base della strategia di un progetto. Per questo motivo la costruzione di una squadra diventa un momento di cruciale importanza.

Il team è una risorsa, ma è necessario saperla gestire. I componenti del gruppo devono lavorare per un obiettivo comune e seguire la stessa direzione in maniera compatta.
Il lavoro in team ha una valenza strategica e se fallimentare può mettere a repentaglio la riuscita del lavoro.

Ma come fare a creare la squadra giusta e renderla vincente?

Di seguito alcuni i punti fondamentali per una strategia vincente.

 

1. Determinare l’obiettivo da raggiungere

Per raggiungere il successo è necessario avere obiettivi chiari e condivisi con i membri del team.
Le competenze dei singoli elementi della squadra devono essere coordinati e direzionati.
Non basta sapere cosa si sta facendo è necessario sapere il perché.

È bene dunque che all’inizio di qualsiasi progetto venga identificato cosa si vuole fare, come farlo e motivare chiaramente le scelte, in modo tale tutti siano coinvolti per il raggiungimento di un obiettivo comune.

 

2. Definire il ruolo preciso di ogni membro del gruppo

Se la definizione dell’obiettivo è basilare, bisogna però precisare che non è sufficiente.
Affinché una squadra funzioni è necessario che ogni componente sappia esattamente qual è il suo ruolo.
Cosa fare e come farlo diventa il punto cruciale.
Potrebbe sembrare un concetto banale, ma non lo è.
Le competenze professionali non bastano a fare squadra.

Un team non è la somma matematica degli individui che lo compongono, ma piuttosto è una moltiplicazione di fattori professionali ed emotivi che devono essere incanalati e direzionati.

Ruoli poco chiari possono dare vita a malumori, screzi, incomprensioni.
Quindi è necessario che ogni membro del team sappia cosa fare per il raggiungimento dell’obiettivo comune.

 

3.I 6 protagonisti del team di successo

Se vogliamo definire l’identikit del team di successo possiamo dire che le figure fondamentali sono 6: il leader, l’esperto in materia, Business Analyst , il consulente esterno, lo sponsor e il cliente.

  • Il leader deve essere autorevole e riconosciuto dal gruppo affinché le sue direttive funzionino.La figura del leader è fondamentale soprattutto nella fase di costruzione del gruppo. È dunque necessario che sappia riconoscere i punti di forza e debolezza di ogni membro del team. Deve assegnare i ruoli alle persone giuste per poi guidarle e supportarle in maniera adeguata. Il leader deve essere lungimirante e mettersi in discussione, la flessibilità è una delle sue qualità imprescindibili. Deve saper cambiare e modificare la direzione qualora sia necessario, riconoscere gli sbagli e correggerli.
  • L’esperto in materia è colui che avendo un’esperienza specifica nel settore riesce a dare un contributo importante basato sul suo background. Valuta il progetto insieme agli altri componenti del team in modo da intraprendere le scelte migliori.
  • Il Business Analyst è Il professionista che analizza la situazione dell’azienda, ne riconosce le necessità e aiuta i manager a capire i punti su cui lavorare per migliorare, anche dal punto di vista finanziario. Definisce il budget e i ritorni degli investimenti.
  • Il consulente esterno è un professionista che aiuta il team nella gestione del progetto. Si può occupare dell’organizzazione, della gestione dei processi e degli aspetti normativi per migliorare le performance del team.
  • Lo sponsor è colui che crede del progetto e lo finanzia affinché questo venga concretizzato e abbia successo. Identifica le esigenze, valutando i rischi e la potenzialità di guadagno .
  • Il cliente è il beneficiario finale del progetto. Il suo contributo è fondamentale perché il progetto parte dalle sue richieste che devono essere chiare e dettagliate in modo tale che il progetto finale rispetti le sue aspettative.

4. Assegnare I ruoli giusti alle persone giuste

Assegnare I ruoli all’interno di un team è un compito molto delicato e nel farlo bisogna tenere conto di molteplici fattori. Non bisogna mail dimenticare che i componenti di una squadra prima di essere dei professionisti sono delle persone con il proprio carattere, sensibilità ed emotività.
Dunque nel definire i ruoli, la componente umana non deve mai essere dimenticata.
Bisogna poi tener conto dell’anzianità di ruolo, del clima lavorativo e del contesto sociale.
Una volta chiariti gli elementi distintivi di ognuno, con i punti di forza e di debolezza allora sarà possibile procedere con una valutazione adeguata.
L’assegnazione dei ruoli alle persone giuste è fondamentale per la riuscita del progetto, per non creare disfunzioni o disgregazioni.

 

5. Avviare il progetto

Una volta definiti gli obiettivi da raggiungere, i ruoli di ogni membro del team e le strategie da mettere in atto, bisogna avviare il progetto.
Per farlo è necessaria la coordinazione e la definizioni delle tempistiche e deadline da rispettare.
Definire i ruoli di ogni elemento della squadra non è sufficiente, bisogna organizzare il lavoro in modo tale che non ci siano tempi morti o ritardi. Rispettare una tabella di marcia è fondamentale, così come verificare costantemente dove si è arrivati.
Sarà quindi importante motivare Il team costantemente e valutare la qualità e il rendimento dei lavori in corso.

 

6. A progetto terminato: cosa abbiamo imparato, fatturare, passare al progetto successivo.

Una volta terminato il progetto è necessario tirare le somme: valutare il risultato del progetto , cosa abbiamo imparato e dove poter migliorare in vista del progetto successivo.

La conclusione del progetto coincide con la fatturazione.
Dovresti trovare un software che agevoli questa operazione, ma non è necessario. Clicca qui per scaricare il modello fattura.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *